Saverio Galano

IkiGai Art GallerySaverio Galano

Pittore

Salernitano di nascita, frequenta il liceo artistico dove scopre che la sua personalità artistica è ben lungi dallo stile classico e si libera dalla concezione di “avere regole”. Si laurea in Lettere Moderne con indirizzo Storia dell’Arte e inizia a lavorare come costumista per varie compagnie teatrali, intuendo di avere gran manualità. Dopo un’interessante esperienza al San Carlo di Napoli, arriva a Roma e si diploma presso l’Accademia del Costume. Proprio la stessa Accademia, a fine corso di studi, lo introduce presso la sartoria cinematografia Tirelli. Ma Saverio, poco avvezzo alle ricostruzioni storiche dei costumi, si sente ispirato maggiormente dal taglio performativo del lavoro di Danilo Donati e Odette Nicoletti. Con quest’ultima inzia una collaborazione che lo porta a lavorare per il Teatro dell’Opera di Roma. Incontra la costumista Silvia Aymonino con la quale tutt’ora coopera. La sua attività di decoratore di costumi lo porta a comprendere che l’opera d’arte deve condurre lo spettatore in un mondo parallelo, diventando performance. Dopo aver iniziato, infatti, a dipingere il silenzio delle cose, interpretato dalle nature morte, scopre come queste ultime non gli regalino le sensazioni che cerca. Comincia, quindi, a cercare un linguaggio più segnico e scenografico, in linea con la sua personalità. Scorge una notte, su una grande tela, la sua ombra e da lí nasce la parte più significativa e rivoluzionaria della sua produzione artistica, cha ha come fulcro la rappresentazione della società odierna.

Share it!

0 comments on “Saverio Galano

Comments are closed.